Tiro libero

L’incanto delle sirene

L'incanto 1

di Francesco Forlani | Al minuto 2 e 25 secondi le grand chanteur Adamo, durante l’interpretazione di una delle canzoni più belle del repertorio classico francese, un attimo dopo aver cantato la strofa finale Z’étaient chouettes les filles du bord de mer / Z’étaient bêtes pour qui savait leur plaire, dice al pubblico presente in sala: «In italiano!»

Va' avanti »

Il bisogno di tradurre poesia

il bisogno

di Antonia Arslan | A volte una poesia ti parla con una forza speciale, se riesci a leggerla nella sua lingua originale. Senti come un orologio che ti ticchetta nella mente, scende giù per i nervi e nel cuore, ti percorre con un ritmo potente. Non importa poi tanto sapere a fondo la lingua in cui è scritta:

Va' avanti »

Come Rita Desti suona Saramago

fabio_stassi

TIRO LIBERO di Fabio Stassi | Ho sempre pensato al traduttore come a un musicista. L’interprete che si accosta a uno spartito già scritto ma a cui manca lingua, timbro, intonazione e tocco. Il suono e il fiato. In una parola, la voce. Il suo compito è quello di restituirne la musica, e restituire è un verbo difficile, in letteratura, perché ha a che fare con la natura più intima…

Va' avanti »

Capire e farsi capire: un gesto eterno e quotidiano

Paola Mastrocola

TIRO LIBERO di Paola Mastrocola | tradurre vuol dire "portare di là". Per prima cosa è un movimento.

Va' avanti »

Un autore e i suoi traduttori

Un autore e i suoi traduttori

TIRO LIBERO | di Massimo Carlotto La traduzione e la pubblicazione delle proprie opere da parte di editori stranieri, per uno scrittore, può diventare nel tempo un'esperienza importante che si inserisce a pieno titolo nella complessità dell'attività professionale.

Va' avanti »

Tredici secoli, tremila chilometri, una sola famiglia universa

Melania G. Mazzucco

TIRO LIBERO | di Melania G. Mazzucco «Ognuno di noi - diceva Lamartine (qui nell’italiano di Giuseppe Fanciulli) - leggendo si forma una famiglia universa, che sceglie da tutti i paesi e da tutti i tempi, per crearsi una specie di parentela spirituale, di società ideale». Così, un testo amato, scritto in una lingua straniera inaccessibile ai lettori italiani, ha sempre rappresentato per me un invito irresistibile, come il canto…

Va' avanti »

Hanno preso Pietro Paolo Fortress

Marta Boneschi

TIRO LIBERO | di Marta Boneschi A un certo punto dei Dieci giorni che sconvolsero il mondo in traduzione italiana, John Reed fa irrompere un messaggero, il quale annuncia: «Hanno preso Pietro Paolo Fortress!», e il lettore dovrebbe compiangere il poveretto che, ormai privato della libertà, sarà certo ammazzato dai perfidi bolscevichi.

Va' avanti »

Confesso: ho tradotto Céline e lo rifarei

Ernesto Ferrero (2)

TIRO LIBERO | di Ernesto Ferrero Sono passati vent’anni da quando ho tradotto per il risorto Corbaccio il Voyage au bout de la nuit di Louis-Ferdinand Céline. Giusto sessant’anni dopo la versione di Alex Alexis, alias Luigi Alessi...

Va' avanti »