Archivio

La recensione / 1 – Un convegno ricco di idee (con finale a sorpresa)

di Giulia Baselica Transito libero. Sulla traduzione della poesia è la preziosa testimonianza di un convegno dedicato alla traduzione della poesia e organizzato dall’Università di Siena nel 2007.  

Va' avanti »

La recensione / 2 Uno strumento innovativo e utile

di Elisa Leonzio Lucia Cinato Kather offre uno strumento del tutto nuovo nel panorama degli studi sulla traduzione in Italia.

Va' avanti »

La recensione / 3 – Le rose di Katherine Mansfield

di Susanna Basso Potrebbe bastare il giardino neozelandese di rose e di allitterazioni creato da Mansfield per sapere che il libro di Franca Cavagnoli è prezioso.

Va' avanti »

La citazione

VITTORIO ALFIERI e FRANÇOIS DE CHATEAUBRIAND

Va' avanti »

Reminiscenze e borbottii / 3

Il vecchio lettore | Una grande lingua colta, una grande tradizione letteraria e artistica, un patrimonio culturale e artistico tra i più grandi dell’umanità. Tutte palle al piede per il futuro dell’Italia. E della Francia, e della Germania. Ma più per l’Italia, ché più antica e più continua e prolungata è stata quella tradizione, più ricco è quel patrimonio.

Va' avanti »

Tradurre l’egemonia

Gramsci

A PROPOSITO DI UN LIBRO AMERICANO SU GRAMSCI | di Mauro Pala La fortuna di Gramsci in America si traduce nell'accoglimento, da parte di giovani studiosi, del contenuto politico della sua concezione del tradurre come trasferimento di interi mondi di idee. Lo chiarisce una recente raccolta di saggi.

Va' avanti »

A twice told tale | Un racconto narrato due volte

old brick house

HOME È GIÀ LA PROMESSA DI UN RITORNO | di Susanna Basso A volte Alice Munro lo fa. A volte, dopo aver riletto una storia scritta magari trent’anni prima, non si limita a pensare che la farebbe in modo diverso, ma precisamente la riscrive.

Va' avanti »

Hanno preso Pietro Paolo Fortress

Marta Boneschi

TIRO LIBERO | di Marta Boneschi A un certo punto dei Dieci giorni che sconvolsero il mondo in traduzione italiana, John Reed fa irrompere un messaggero, il quale annuncia: «Hanno preso Pietro Paolo Fortress!», e il lettore dovrebbe compiangere il poveretto che, ormai privato della libertà, sarà certo ammazzato dai perfidi bolscevichi.

Va' avanti »

Alle prese con una Colette mai tradotta

UN ESPERIMENTO «SEMPLICEMENTE» DIDATTICO | di Anna Battaglia Non si può tradurre un testo senza averne compiuto un'analisi critica. Un testo di Colette mai prima tradotto in italiano ha offerto ampio campo di verifica agli studenti torinesi.

Va' avanti »

Anche il tedesco ha il suo postcoloniale

CE LO RICORDANO LE OPERE AUTOBIOGRAFICHE DI DUE DONNE NAMIBIANE | di Elisa Leonzio Anche il tedesco ha la sua letteratura postcoloniale. Nel 2004, dopo decenni di amnesie e rimozioni, l’editore Ullstein di Berlino ha pubblicato l’autobiografia di Lucia Engombe.

Va' avanti »