Numero 13 (autunno 2017) | Strumenti

Opere di narrativa tradotte da lingue balcaniche dopo il 1989

a cura di Damiano Latella

Sloveno

Gabriela Babnik, La stagione secca, traduzione di Michele Obit, Sesto San Giovanni, Mimesis, 2017

Drago Jančar, L’allievo di Joyce, traduzione di Veronika Brecelj, Empoli-Trieste, Ibiskos-ZTT-EST, 2006

Il ronzio, traduzione di Roberto Dapit e Martin Vidali, Udine, Forum, 2007

Drago Jančar, Aurora boreale, traduzione di Darja Betocchi e Enrico Lenaz, Milano, Bompiani, 2008

Stanotte l’ho vista, traduzione di Veronika Brecelj, Trieste, Comunicarte, 2015

Ciril Kosmač, Sulle orme di un vagabondo. Due racconti, a cura di Maria Bidovec, Trieste, Mladika, 2007

Lojze Kovačič, I nuovi arrivati: la scuola dell’esilio, traduzione di Darja Betocchi, Rovereto, Zandonai, 2013

Kajetan Kovič, Il professore di immaginazione, traduzione di Tomo Jurca e Paolo Bellotto, Milano, Hefti, 2000

Nataša Kramberger, Niente di nero in vista: un romanzo fatto di storie, traduzione di Michele Obit, Sesto S. Giovanni, Mimesis, 2016

Feri Lainšček, La ragazza della Mura, traduzione di Martin Vidali, Trieste, Beit, 2009

Storia di Lutvija e del chiodo arroventato, traduzione di Sabina Tržan, Firenze, Nikita, 2009

Florjan Lipuš, L’educazione del giovane Tjaž, traduzione di Michele Obit, Rovereto, Zandonai, 2011

Saša Martelanc, Il valzer della felicità, traduzione di Diomira Fabjan Bajc, Trieste, Mladika, 2016

Fran Milčinski, Uccellini senza nido, traduzione e cura di Enrico Lenaz, Salerno – Roma, Ripostes, 1997

Vinko Möderndorfer, A carte da Maria e altri racconti, traduzione e note di Enrico Lenaz, Messina, Mesogea, 2002

Luogo numero 2. Storia di un assassino, traduzione di Enrico Lenaz, Messina, Mesogea, 2003

Brane Mozetič, Storia perduta, traduzione di Daniele Furlan, Trieste, Beit, 2010

Boris Pahor, Necropoli, traduzione di Ezio Martin, San Canzian d’Isonzo, Consorzio culturale del Monfalconese, 1997; poi Necropoli, traduzione di Ezio Martin, revisione del testo di Valerio Aiolli, Ronchi dei Legionari, Consorzio culturale del Monfalconese, 2005 (poi Roma, Fazi, 2008)

Il rogo nel porto, traduzione di Mirella Urdih Merkù, Diomira Fabjan Bajc e Mara Debeljuh, Rovereto, Nicolodi, 2001; poi Il rogo nel porto, a cura di Anna Raffetto, Rovereto, Zandonai, 2008 (i racconti Fiori per un lebbroso e Una sosta sul Ponte Vecchio sono stati riscritti in italiano dall’autore)

La villa sul lago, traduzione di Marija Kacin, Rovereto, Nicolodi, 2002 (poi Rovereto, Zandonai, 2012)

Il petalo giallo, traduzione di Diomira Fabjan Bajc, Rovereto, Nicolodi, 2004 (poi Rovereto, Zandonai, 2007)

Qui è proibito parlare, traduzione di Martina Clerici, Roma, Fazi, 2009

Una primavera difficile, traduzione di Mirella Urdih Merkù, Rovereto, Zandonai, 2009 (poi Milano, La nave di Teseo, 2016)

Dentro il labirinto, traduzione di Martina Clerici, Roma, Fazi, 2011

La città nel golfo, traduzione di Marija Kacin, Milano, Bompiani, 2014

Alojz Rebula, Nel vento della Sibilla, traduzione di Diomira Fabjan Bajc, Trieste, Editoriale stampa triestina, 1992

La peonia del Carso, traduzione di Alessandra Foraus, Ronchi dei Legionari, Edizioni del Consorzio culturale del Monfalconese, 2005

Notturno sull’Isonzo, traduzione di Martina Clerici, Cinisello Balsamo, San Paolo, 2011

La vigna dell’imperatrice romana, a cura di Marija Pirjevec, traduzione di Martina Clerici, Trieste, Mladika, 2011

La danza delle ombre, a cura di Marija Pirjevec, traduzione di Neva Zaghet e Martina Clerici, Trieste, Mladika, 2015

Marko Sosič, Ballerina, ballerina, traduzione di Darja Betocchi, Empoli, Ibiskos, 2005

Tito, amor mijo, traduzione di Darja Betocchi, Trieste, Comunicarte, 2012

Aleš Šteger, Berlino, traduzione di Michele Obit, Rovereto, Zandonai, 2009

Brina Svit, Morte di una primadonna slovena, traduzione di Sabina Tržan e Simonetta Calaon, Rovereto, Zandonai, 2007

Sergej Verč, La colonna di Rolando, traduzione di Laura Sgubin, Roma, Robin, 2006

Il mistero della medusa turchina, traduzione di Laura Sgubin, Roma, Robin, 2007

Janja Vidmar, La mia Nina, traduzione di Bruna Alessio e Leonardo Klemenc, Reggio Calabria, Falzea, 2004

Albanese

Dritëro Agolli, Ascesa e caduta del compagno Zylo, traduzione di Fernando Cezzi, Lecce, Argo, 1993

Novelle, traduzione e introduzione di Elio Miracco, Lungro, Marco, 1999

Mimoza Ahmeti, Persone belle, traduzione di Ada Prizreni, Pisa, ETS, 1997

Ylljet Aliçka, I compagni di pietra, traduzione di Amik Kasoruho, Rimini, Guaraldi, 2006

Il sogno italiano, traduzione di Giovanna Nanci, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2016

Vera Bekteshi, La villa con due porte, traduzione di Valentina Notaro, Nardò, Besa, 2014

Diana Chuli, Angeli armati, traduzione di Lea Sinoimeri, Nardò, Besa, 2007

Scrivere sull’acqua, traduzione di Eugenio Scalambrino, Nardò, Besa, 2002

Drita Çomo, Luce che sgorga dall’abisso, traduzione di Klara Kodra, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2012

Arben Dedja, Amputazioni prolungate, autotraduzione di Arben Dedja, Nardò, Besa, 2014

Elvira Dones, Senza bagagli, traduzione di Alma Molla, revisione di Elvira Dones e Corrado Veneziano, Nardò, Besa, 1997

Sole bruciato, traduzione dall’albanese di Elio Miracco, revisione di Elvira Dones e Fausto Vitaliano, Milano, Feltrinelli, 2001

Bianco giorno offeso, autotraduzione dall’albanese di Elvira Dones, Interlinea, Novara, 2004

I mari ovunque, traduzione di Rovena Troqe, revisione di Elvira Dones e Marina Vaggi, Novara, Interlinea, 2007

Nasho Jorgaqi, Il monastero dell’Amore, traduzione di Eugenio Scalambrino, Tricase, Bleve, 2002

Fatos Kongoli, Un uomo da nulla, traduzione di Eugenio Scalambrino, Lecce, Argo, 1994

L’ombra dell’altro, traduzione di Amik Kasoruho, Nardò, Besa, 1999

Fatos Kongoli, Il drago d’avorio, traduzione dall’albanese di Marcello Palestina, Nardò, Besa, 2005

Pelle di cane, traduzione di Eugenio Scalambrino, Lecce, Argo, 2008

Il sogno di Damocle, traduzione di Marcello Palestina, Nardò, Controluce, 2011

La vita in una scatola di fiammiferi, traduzione di Caterina Zuccaro, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2015

Mitrush Kuteli, L’autunno di Geladyn Bey, traduzione di Eugenio Scalambrino, Lecce, Argo, 1992

Ardian Christian Kyçyku, I fiumi del Sahara, traduzione di Kamela Guza, Rovereto, Zandonai, 2011

Fatos Lubonja, Diario di un intellettuale in un gulag albanese, traduzione e introduzione di Elio Miracco, Lungro, Marco, 1994

Mira Meksi, La maledizione delle sacerdotesse d’Illiria, traduzione di Valentina Notaro e Salvatore Dodda, Nardò, Besa 2017

Albatros Rexhaj, Lettera a un amico italiano dal Kosovo, traduzione di Edmond Çali e Enkelejda Shamku, Milano, Rizzoli, 1999

Bashkim Shehu, Le ombre, traduzione di Eugenio Scalambrino, Roma, Manifestolibri, 1993

Kasëm Trebeshina, Allori secchi, traduzione dall’originale inedito albanese di Edmond Çali e Nadia Tonziello, Roma, Aracne, 2007

Visar Zhiti, Il visionario alato e la donna proibita, traduzione di Elio Miracco, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2014

Preç Zogaj, La donna di tutti, traduzione di Eugenio Scalambrino, Lecce, Argo, 1998

Un caso speciale: quale Kadare leggono gli italiani?

Traduzioni dal francese

I tamburi della pioggia, traduzione dal francese di Augusto Donaudy, Milano, Longanesi, 1981

Il crepuscolo degli dei della steppa, traduzione dal francese di Mario Varca, Torino, Società Editrice Internazionale, 1982

Il generale dell’armata morta, traduzione dal francese di Augusto Donaudy, Milano, Longanesi, 1982

Chi ha riportato Doruntina?, traduzione dal francese di Francesco Bruno, Milano, Longanesi, 1989

La città di pietra, traduzione dal francese di Francesco Bruno, Milano, Longanesi, 1991

Il palazzo dei sogni, traduzione dal francese di Francesco Bruno, Milano, Longanesi, 1991

Aprile spezzato, traduzione dal francese di Flavia Celotto, Parma, Guanda, 1993

La piramide, traduzione dal francese di Francesco Bruno, Milano, Longanesi, 1997

Tre canti funebri per il Kosovo, traduzione dal francese di Francesco Bruno, Milano, Longanesi, 1999

Il ponte a tre archi, traduzione dal francese di Francesco Bruno, Milano, Longanesi, 2002

Freddi fiori d’aprile, traduzione dal francese di Francesco Bruno, Milano, Longanesi, 2005

Vita, avventure e morte di un attore, traduzione dal francese di Monica Fiorini, Milano, Longanesi, 2006

L’aquila, traduzione dal francese di Francesco Bruno, Milano, Longanesi, 2007

La figlia di Agamennone, traduzione dal francese di Francesco Bruno, Milano, Longanesi, 2007

Il successore, traduzione dal francese di Francesco Bruno, Milano, Longanesi, 2008

Il mostro, traduzione dal francese di Francesca Spinelli, Roma, Fandango, 2010

L’incidente, traduzione dal francese di Maria Laura Vanorio, Milano, Longanesi, 2010

La nicchia della vergogna, traduzione dal francese di Francesca Spinelli, Roma, Fandango, 2011

Un invito a cena di troppo, traduzione dal francese di Maria Laura Vanorio, Milano, Longanesi, 2012

Traduzioni dall’albanese

La commissione delle feste, traduzione dall’albanese di Fernando Cezzi, Nardò, Besa, 1996

L’occhio del tiranno, traduzione dall’albanese di Beniamin Guraziu, Roma, Fandango, 2012

La bambola, traduzione dall’albanese di Liljana Cuka Maksuti, Milano, La nave di Teseo, 2017

Bulgaro

Victor Baruch, La poetessa diffamata, traduzione di Alexandrina Djeneva, a cura di Fabrizio Lelli, Nardò, Besa, 2008

Georgi Danailov, La casa alla fine del mondo, traduzione di Roberto Adinolfi, Trieste, Beit, 2011

Anton Dončev, Lo strano cavaliere del libro sacro, traduzione di Augusto Fonseca, Nardò, Besa, 2001

Zdravka Evtimova, Lo stesso fiume, traduzione di Alessandra Bertuccelli, Nardò, Controluce, 2017

Zdravka Evtimova, Sinfonia, traduzione dall’inglese di Francesca Sammarco, Nardò, Controluce, 2015

Georgi Gospodinov, Romanzo naturale, traduzione di Daniela di Sora e Irina Stoilova, Roma, Voland, 2007

…e altre storie, traduzione di Giuseppe Dell’Agata, Roma, Voland, 2008

Fisica della malinconia, cura e traduzione di Giuseppe Dell’Agata, Roma, Voland, 2013

Ivan Kulekov, Senza titolo, a cura di Daniela Di Sora, Roma, Biblioteca del Vascello, 1994

Questa non è ironia, a cura di Daniela Di Sora, Roma, Biblioteca del Vascello, 1994

Senza tempo, senza ordine, senza indirizzo, a cura di Daniela Di Sora, Roma, Voland, 2001

Alek Popov, Missione Londra, traduzione e cura di Roberto Adinolfi, Roma, Voland, 2008

– Popov, Mitologia del tempo che cambia, a cura di Giuseppe Dell’Agata, traduzione di Andrea Ferrario, Elisa Vannoni, Federico Dell’Agata, Giuseppe Dell’Agata, Palermo, :duepunti edizioni, 2010

I cani volano basso, traduzione di Sibylle Kirchbach, Rovereto, Keller, 2013

Jordan Radičkov, L’uovo di gennaio, a cura di Danilo Manera, Genova, Marietti, 1990

Il Verbljud e altre cronache di Čerkazki, traduzione e note di Danilo Manera, Lecce, Argo, 1994

Jordan Radičkov, Gente, gazze, cavalli, traduzione di Vera Petrova, Roma, Biblioteca del Vascello, 1994 (poi Roma, Voland, 1999)

Noi passerotti, traduzione di Cristiana Casarosa, Roma, Voland, 2000

Bisce, a cura di Giuseppe Dell’Agata, Roma, Voland, 2000

L’anatra da richiamo, traduzione e cura di Giuseppe Dell’Agata, Roma, Voland, 2002

Nikolaj Rajnov, Il diavolo creatore, a cura di Daniela Di Sora, Roma, Biblioteca del Vascello, 1991

Emiljan Stanev, Il ladro di pesche, traduzione di Danilo Manera, Roma, Voland, 1995

– Stanev, Lazzaro e Gesù e altre storie, traduzione di Alessandro Dell’Agata, Giuseppe Dell’Agata, Daniela Di Sora, Nicoletta Marcialis, Roma, Voland, 1997

Angel Wagenstein, Shanghai addio, traduzione di Roberto Adinolfi, Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2008

I cinque libri di Isacco Blumenfeld, traduzione di Sibylle Kirchbach, Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2009

Abramo l’ubriacone, traduzione di Sibylle Kirchbach, Milano, Dalai, 2011