Numero 14 (primavera 2018) | Strumenti

Traduzioni di Alessandra Scalero

a cura di «tradurre»

Jakob Wassermann, Il caso Mauritius; traduzione dal tedesco di Alessandra Scalero, Milano, Modernissima, 1931 (da Jokob Wassermann, Der Fall Mauritius, Berlin, Fischer, 1928)

John Dos Passos, Nuova York; traduzione dall’inglese di Alessandra Scalero, Milano, Corbaccio, 1932 (da John Dos Passos, Manhattan Trasfer, 1927)

D.H. Lawrence, Figli e amanti; traduzione dall’inglese di Alessandra Scalero, Milano, Corbaccio, 1933 (da D.H. Lawrence, Sons and Lovers, London, Heinemann, 1913)

Claude McKay, Ritorno ad Harlem; prefazione e traduzione di Alessandra Scalero, Milano, Modernissima, 1930 (da Claude McKay, Home to Harlem, New York – London, 1928)

Jakob Wassermann, Etzel Andergast; traduzione dal tedesco di Alessandra Scalero, Milano, Corbaccio, 1932 (da Jakob Wassermann, Etzel Andergast, Berlin, Fischer, 1931)

Michael Gold, Ebrei senza denaro, Milano, Corbaccio, 1933 (da Michael Gold, Jews without Money, New York, H. Liveright, 1930)

D.H. Lawrence, La fanciulla perduta, Milano, Corbaccio, 1933 (da D.H. Lawrence, The Lost Girl, London, Secker, 1920)

Ernst Weiss, Giorgio Letham, medico e assassino; traduzione dal tedesco di Alessandra Scalero, Milano, Corbaccio, 1933 (Ernst Weiss, Georg Letham Arzt und Mörder, Berlin – Wien – Leipzig, Zsolnay)

Virginia Woolf, Orlando, Milano, Mondadori, 1933 (da Virginia Woolf, Orlando, London, L. & V. Woolf 1928)

Virginia Woolf, Flush, vita di un cane, Milano, Mondadori, 1934 (da Viriginia Woolf, Fluah. A Biography, Leonard and Virginia Woolf at The Hogarth Press, 1933)

Richard Aldington, Tutti gli uomini sono nemici, Milano, Mondadori, 1934 (da Richard Aldington, All Men Are Enemies, London, Chatto & Windus, 1933)

Gladys Hasty Carroll, Come la terra gira, Milano, Mondadori, 1935 (da Gladys Hasty Carroll, As the Earth Turns, New York, Macmillan, 1933)

Maria Holstein Gottorp, Memorie della Granduchessa Maria di Russia, traduzione di Alessandra Scalero, Milano, Mondadori, 1935 (originale ignoto)

Vita Sackville-West, Ogni passione spenta, Milano, Mondadori, 1935 (da Vita Sackville-West, All Passion Spent, London, Hogarth Press 1932)

Erich Ebermayer, Tempeste a Odilienberg; traduzione dal tedesco di Alessandra Scalero, Milano, Corbaccio, 1935 (da Erich Ebermayer, Kampf um Odilienberg, Wien, P. Zsolnay, 1929)

Richard Aldington, Le donne devono lavorare, Milano, Mondadori, 1936 (Richard Aldington, , Women Must Work, London, Chatto & Windus 1934)

Willa Cather, La morte viene per l’arcivescovo, Milano, Mondadori, 1936 (da Willa Cather, Death Comes for the Archbishop, New York, Knopf, 1926)

Isak Dinesen, Una notte a Parigi e altri racconti gotici, Milano, Mondadori, 1936 (da Karen Blixen, Seven Gothic Tales, London, Putnam, 1934)

Charles Morgan, Ritratto in uno specchio, Milano, Mondadori, 1936 (da Charles Morgan, Portrait in a Mirror, London, Macmillan, 1929)

Rahel Sanzara, È scomparsa una bambina…; traduzione dal tedesco di Alessandra Scalero, Milano, Corbaccio, 1937 (da Rahel Sanzara, Das verlorene Kind, Berlin, Ullstein, 1926)

Alfred Döblin, Senza quartiere, Milano, Mondadori, 1937 (da Alfred Döblin, Pardon wird nicht gegeben, Amsterdam, Querido, 1935)

Charles Morgan, Nel bosco d’amore, Milano, Mondadori, 1938 (da Charles Morgan, Sparkenbroke, London, Macmillan, 1936)

Hervey Allen, La cavalcata del colonnello Franklin, Milano, Mondadori, 1939 (da Hervey Allen, Action at Aquila, New York, Farrar & Rinehart, 1938)

C.S. Forester, Il generale, Milano, Mondadori, 1939 (da C.S. Forester. The General, London, Michael Joseph, 1936)

Sally Salminen, Katrina, unica trad. autorizzata di Alessandra Scalero (da quale lingua?), Milano, Mondadori, 1939 (L’originale – Sally Salminen, Katrina, Helsingfors, Schildts, 1936 – è in finlandese; l’edizione tedesca – Leipzig, Insel-Verlag, aus dem Schwedischen übertragen von Edzard Schaper, è forse dello stesso 1936; quella inglese, translated by Naomi Walford, London, Thornton Butterworth – del 1937)

C.S. Forester, Le avventure del capitano Hornblower; unica versione autorizzata di Alessandra Scalero, Milano, Mondadori, 1940 (da C.S. Forester, Captain Hornblower, R.N., London, Michael Joseph, 1928)

Piccola città, tre atti di Thornton Wilder, traduzione di Alessandra Scalero, in «Comœdia», Roma, a. XXI, n. 8 (15 agosto 1939), pp. 357-372 (da Thornton Wilder, Our Town. A Play in Three Acts, New York, Coward McCann, 1938)

Daphne Du Maurier, La prima moglie (Rebecca), Milano, Mondadori, 1940 (da Daphne Du Maurier, Rebecca, London, Victor Gollancz, 1938)

Yakub Kadri, Terra matrigna, Milano, Mondadori, 1941 (l’edizione di riferimento è difficilmente identificabile: l’originale turco, Yaban, fu pubblicato nel 1932)

William von Simpson, I Barring; traduzione dal tedesco di R.[osa] Induno, Milano, Dall’Oglio, 1941 (da William von Simpson, Die Barrings, Potsdam, Rütten & Loening 1937) (che sotto il nome di Rosa Induno si nasconda in realtà Alessandra Scalero, allora impegnata contrattualmente con Mondadori, è rivelato da una successiva edizione della stessa traduzione: William von Simpson, I Barring; traduzione dal tedesco di Alessandra Scalero, Milano, Dall’Oglio, 1956)

Eugenio O’Neill, Anna Christie; versione italiana di Alessandra Scalero, in «Il Dramma»,Torino, Set, Soc. Ed. Torinese, 1942 (da Eugene O’Neill, Anna Christie – con The Hairy Ape e The First Man -, New York, Boni & Liverigh, 1922

Hans Reisiger, Un fanciullo salva la regina, Milano, Mondadori, 1942 (da Ein Kind befreit di Königin, nach dem Leben der Maria Stuart, erzählt von Hans Reisiger, Stuttgart – Berlin, Rowohlt, 1939)

Theodor Kröger, Il villaggio sepolto nell’oblio, traduzione dal tedesco di Alessandra Scalero; seguito da: L’angelo custode, Milano, Mondadori, 1942 (Der Schutzengel, eine Erinnerung aus dem vergessenen Dorf), (da Theodor Kröger, Das vergessene Dorf, vier Jahre Sibirien. Ein Buch der Kameradschaft, Berlin, Propyläen, 1934; e Der Schutzengel. Eine Erinnerung aus dem vergessenen Dorf, Propyläen, 1939)

Ernest Th. A. Hoffmann, Gli elisir del diavolo, traduzione anonima, Milano, Bompiani 1943 (da Die Elixiere des Teufels, 1816; che sia da attribuire ad Alessandra Scalero è dimostrati da una successiva edizione: Firenze, Sansoni, 1966

Postume e attribuite

J. W. Goethe, Clavigo, tragedia in cinque atti; versione e presentazione di Alessandra Scalero, Torino, «Il Dramma», SET, 1944 (da Johann Wolfgang Goethe, Clavigo, 1774)

Virginia Woolf, La signora Dalloway; traduzione di Alessandra Scalero, Milano, Mondadori, 1946 (da Virginia Woolf, Mistress Dalloway, London, Leonard and Virginia Woolf at the Hogarth Press, 1925)

R.C. Hutchinson, Vocazione, di Milano, Mondadori, 1946 (da R.C. Hutchinson, The Answering Glory, Cassell and company, 1932)

Daphne Du Maurier, Taverna alla Giamaica, unica traduzione autorizzata dall’inglese di Alessandra Scalero, Milano, Martello, 1948 (da Daphne Du Maurier, Jamaica Inn, London, Victor Gollancz, 1936)

Robert Sherwood, La foresta pietrificata (insieme con Gente magnifica, di William Saroyan, e Ciò che non sai, di Silvio Giovannetti), Supplemento alla rivista «Sipario», Milano, L’isola, 1951 (da Robert Sherwood, The Petrified Forest, New York, Dramatists Play Service, 1934)

Eugenio O’Neill, Oltre l’orizzonte; traduzione di Alessandra Scalero, Firenze, Casini, 1962 (probabilmente già pubblicata su rivista; da Eugen O’Neill, Beyond the Horizon, New York, Boni and Liveright, 1920)

Poiché abbiamo già visto, a proposito di William von Simpson, I Barring, che Scalero aveva dovuto adottare lo pseudonimo Rosa Induno per poter lavorare ancora con il Corbaccio di Enrico Dall’Oglio negli anni trenta, quando era contrattualmente legata a Mondadori, è molto probabile che sue siano anche le seguenti traduzioni:

Hugh Walpole, Gli spensierati Delaney; traduzione dall’inglese di Rosa Induno, Milano, Corbaccio, 1939 (da Hugh Walpole, The Joyful Delaneys, London, Macmillan, 1938)

M.D.C. Crawford, Storia della civiltà; traduzione dall’originale americano di R. Induno, Milano, Corbaccio, 1939 (da M.D.C. Crawford, The Conquest of Culture. How Mman invented his wayto civilization, New York, Greenberg, 1938)