Posts Tagged ‘ Susanna Basso ’

Per una regia della traduzione

APPUNTI SU RITORNO A FASCARAY, DI ANNALENA MCAFEE di Daniele Petruccioli | Partiamo dall’assunto che tradurre sia un lavoro, e un lavoro creativo. Mi rendo conto che si tratta di una questione controversa, su cui non esiste accordo né da un punto di vista pratico né teorico, né credo che vivrò abbastanza per vederlo. Se ancora dibattiamo sull’opportunità e sulla legittimità di un discorso creativo a proposito della traduzione; se nelle università italiane l’insegnamento della traduzione di testi creativi rientra ancora esclusivamente sotto l’ombrello dell’apprendimento linguistico; se la critica della traduzione, le rare volte in cui si affaccia a fare capolino…

Va' avanti »

Si è guadagnato? Si è perso?

PRIMO LEVI AMERICANO: A COLLOQUIO CON DOMENICO SCARPA di Susanna Basso | Il 15 ottobre 2015 la casa editrice Norton Liveright ha presentato a New York i tre volumi dei Complete Works, l'opera completa in traduzione inglese, di Primo Levi, curati da Ann Goldstein. Domenico Scarpa, consulente del Centro Internazionale di Studi Primo Levi di Torino, ha assistito la nota traduttrice americana e ha collaborato all'apparato critico. Qui risponde ad alcune impegnative domande di Susanna Basso.

Va' avanti »

Piccoli traduttori crescono

TRADURRE FREEDOM WRITERS IN CLASSE di Susanna Basso | Le esperienze di insegnamento della traduzione all'interno del curriculum scolastico si stanno facendo sempre più frequenti. Di una, presso il Liceo Galielo Galilei di Ostiglia, hanno dato conto le insegnanti che l'hanno condotta, le professoresse Carla Barbi e Maria Chiara Romani, (Fahernheit 451 ritradotto da liceali). Ora riferiamo su quella in corso presso il Liceo Maria Mazzarello di Torino.

Va' avanti »

Una privata geologia linguistica

CHE COSA SIGNIFICA TRADURRE ALICE MUNRO. LECTIO MAGISTRALIS di Susanna Basso | Il 10 ottobre 2013 Alice Munro, definita dall’Accademia Reale di Svezia «maestra del racconto breve», è stata insignita del Premio Nobel per la letteratura. Il 30 agosto moriva a Dublino il poeta Seamus Heaney, Premio Nobel per la letteratura nel 1995. Tra le parole che accompagnarono l’attribuzione del Nobel si leggeva: «per le sue opere di bellezza lirica e profondità etica che esaltano i miracoli del quotidiano e la memoria viva del passato».

Va' avanti »

Tu dai voce a me, io do voce a te

Susanna Basso intervista Anna Nadotti

di Susanna Basso | Incontro Anna Nadotti in un bar del centro di Torino in un pomeriggio chiaro di luglio. Ho con me gli appunti delle domande che voglio rivolgerle su La signora Dalloway, la nuova traduzione di Mrs Dalloway di Virginia Woolf da lei condotta per Einaudi

Va' avanti »

Very fair children: la banalità delle parole del bene

Very fair children: la banalità delle parole del bene

di Susanna Basso | Jean Rhys, la celebre autrice di Wide Sargasso Sea (1966; nell’italiano di Adriana Motti Il Grande Mare dei Sargassi, Adelphi 1971), ha scritto un piccolissimo racconto intitolato I Used to Live Here Once

Va' avanti »

La recensione / 3 – Le rose di Katherine Mansfield

di Susanna Basso Potrebbe bastare il giardino neozelandese di rose e di allitterazioni creato da Mansfield per sapere che il libro di Franca Cavagnoli è prezioso.

Va' avanti »

A twice told tale | Un racconto narrato due volte

old brick house

HOME È GIÀ LA PROMESSA DI UN RITORNO | di Susanna Basso A volte Alice Munro lo fa. A volte, dopo aver riletto una storia scritta magari trent’anni prima, non si limita a pensare che la farebbe in modo diverso, ma precisamente la riscrive.

Va' avanti »