Studi e ricerche

Zia Barbara e Anita / 1

DUE GRANDI TRADUTTRICI DAL TEDESCO: BARBARA ALLASON E ANITA RHO | di Gianfranco Petrillo Italianissimo, piemontesissimo quel cognome, risalente a un Alasone troncato dai francesi durante l’occupazione napoleonica (Allason 2008, 74). Niente affatto «un nome esotico

Va' avanti »

Tradurre l’egemonia

Gramsci

A PROPOSITO DI UN LIBRO AMERICANO SU GRAMSCI | di Mauro Pala La fortuna di Gramsci in America si traduce nell'accoglimento, da parte di giovani studiosi, del contenuto politico della sua concezione del tradurre come trasferimento di interi mondi di idee. Lo chiarisce una recente raccolta di saggi.

Va' avanti »

Anche il tedesco ha il suo postcoloniale

CE LO RICORDANO LE OPERE AUTOBIOGRAFICHE DI DUE DONNE NAMIBIANE | di Elisa Leonzio Anche il tedesco ha la sua letteratura postcoloniale. Nel 2004, dopo decenni di amnesie e rimozioni, l’editore Ullstein di Berlino ha pubblicato l’autobiografia di Lucia Engombe.

Va' avanti »

L’inventore del nome dei Gialli

PICENI-BOMPIANI

  ENRICO PICENI TRADUTTORE E APPASSIONATO D’ARTE | di Enrico Ganni Enrico Piceni (a destra nella foto, con Valentino Bompiani) è stato uno dei maggiori collaboratori di Arnoldo Mondadori. La sua vera passione era l'arte e ad essa si è dedicato nella seconda parte della vita. Ma non senza prima aver lasciato un segno nell'industria editoriale con le sue traduzioni.  

Va' avanti »

Il destinatario, questo sconosciuto…

A CHI SI RIVOLGE IL TRADUTTORE? | di Christiane Nord (traduzione dal tedesco di Elisabetta Zoni) Nella traduzione, come nella produzione di ogni testo conforme alla propria funzione, l'importanza del riferimento al destinatario dovrebbe essere ormai indiscussa.

Va' avanti »

Alla scoperta del «genio russo»

LE TRADUZIONI ITALIANE DI NARRATIVA RUSSA TRA FINE OTTOCENTO E PRIMO NOVECENTO | di Giulia Baselica Già nel 1869 la «Rivista contemporanea» pubblica, nel numero di gennaio, la traduzione di alcuni estratti di Guerra e pace...

Va' avanti »

La nuova donna

I ROMANZI TEDESCHI AL FEMMINILE NELL'ITALIA FASCISTA | di Natascia Barrale Nell’importazione e nella diffusione della narrativa straniera negli anni Venti e Trenta motivi e tendenze letterarie si intrecciano con le vicende della nascente industria delle traduzioni...

Va' avanti »

Chi era Delfino Cinelli?

Chi era Delfino Cinelli?

AGRICOLTORE, ROMANZIERE, TRADUTTORE DI POE (CON VITTORINI) | di Elisa Cattaneo Se, secondo l’ormai cristallizzata definizione di Cesare Pavese, gli anni Trenta sono il «decennio delle traduzioni», è bene cominciare a conoscerne da vicino gli autori...

Va' avanti »

Censura e veleni fascisti

LE TRADUZIONI DI AGATHA CHRISTIE DEGLI ANNI TRENTA | di Francesco Spurio La Christie è da sempre un’autrice amatissima dai lettori. Ma non da molto i suoi libri vengono offerti dalla Mondadori, che ne detiene i diritti per l’Italia, in traduzioni rispettose dell’originale...

Va' avanti »