Studi e ricerche

I meriti delle case editrici verso il teatro

I CASI DI ROSA E BALLO E UBULIBRI di Oliviero Ponte di Pino | Qual è stato – e quale può essere – il ruolo dell'editoria nella diffusione della drammaturgia contemporanea in Italia? Un editore può svolgere un ruolo di aggiornamento e di stimolo nei confronti del mondo del teatro? L'editoria teatrale, si sa, non ha vita facile: gli italiani leggono poco in generale, e ancora più difficilmente si applicano a sceneggiature o testi teatrali, con l'eccezione di alcuni classici di obbligo più o meno scolastico.

Va' avanti »

Madame Bovary c’est trois

DIEGO VALERI, ORESTE DEL BUONO, NATALIA GINZBURG di Anna Battaglia | Tre scrittori del Novecento alle prese con il "non saper scrivere" di Flaubert

Va' avanti »

Traduzioni e storia letteraria nazionale

ALCUNE CONSIDERAZIONI A PARTIRE DA TRE CASI EINAUDIANI (1948-1968) di Michele Sisto | Casa editrice Einaudi anni cinquanta: Renato Solmi traduce e presenta Adorno, Fortini traduce Brecht, Cases introduce Lukács via Goethe. E il campo culturale italiano non è più quel che era.

Va' avanti »

Il quaderno nero di Paolo Boringhieri

LE SFIDE POSTE DALLA TRADUZIONE SCIENTIFICA NEL DOPOGUERRA | di Giulia Boringhieri Se è vero che la traduzione è lo strumento indispensabile perché un prodotto culturale proveniente dall’estero possa attecchire nell’humus italiano.

Va' avanti »

Fecondità di una contraddizione

TRADURRE LE LINGUE PORTOGHESI di Daniele Petruccioli | Il portoghese è una lingua veicolare? È una lingua con varianti macroscopiche? È una lingua con ortografie diverse a seconda di dove viene parlata? È una lingua, almeno?

Va' avanti »

Le parole per (non) dirlo

di Valeria Gennero | Irriverente e raffinata, indulgente nei confronti di ogni umana debolezza eppure intransigente nel dichiarare la propria avversione al conformismo e all’intolleranza, zia Mame diventò verso la metà degli anni Cinquanta una delle eroine più note presso il pubblico americano.    

Va' avanti »

Portare Steinbeck agli italiani

di Silvia Guslandi | Poco più di settant’anni fa usciva in Italia la traduzione di Elio Vittorini di The Pastures of Heaven di John Steinbeck, uno dei testi che, soprattutto tra il 1930 e il 1940 – il «decennio delle traduzioni» secondo la celebre definizione di Cesare Pavese – veicolarono l’ingresso in Italia della letteratura americana, con l’intento di diffonderla e di rinnovare al contempo la nostra negli anni difficili dell’autarchia fascista.

Va' avanti »

Una creazione dei traduttori: il lessico matematico latino

Una creazione dei traduttori: il lessico matematico latino

di Lucio Russo | È ben noto che il latino è stata la principale lingua della scienza europea (e in particolare della matematica) dal basso medioevo fino almeno a tutto il XVIII secolo e, in larga misura, lo è ancora indirettamente, in quanto molti termini scientifici inglesi e delle altre lingue europee derivano da voci latine.

Va' avanti »

Zia Barbara e Anita / 2 (e fine)*

Anita Rho

di Gianfranco Petrillo | LA SECONDA PARTE DELLA STORIA

Va' avanti »

Omaggio alla Catalogna

LA FORTUNA DELLA LETTERATURA CATALANA IN ITALIA | di Laura Mongiardo Nell’ambito del diffuso interesse per la cultura ispanica - sia europea che sudamericana - che si è propagato in Italia, e non solo in Italia, negli ultimi decenni, un posto a sé occupa l’attenzione per la letteratura catalana, esplicatasi soprattutto verso i due generi narrativi che maggiormente catturano i lettori da un po’ di tempo in qua, quello “al femminile” e il poliziesco, ma anche da altri generi amati, come il romanzo storico.

Va' avanti »