Come un prete il suo breviario

come il prete il suo breviario

IL TRADUTTORE LETTERARIO DALL’INGLESE E I SUOI DIZIONARI, OGGI. UN'INCHIESTA di Norman Gobetti | Come lavora nell'epoca del web il traduttore italiano dall'inglese? Che strumenti adopera? Abbiamo interpellato cinquanta persone, professionisti e aspiranti tali. Ed ecco che cosa ne risulta.

Va' avanti »

Una privata geologia linguistica

alice munro e susanna basso

CHE COSA SIGNIFICA TRADURRE ALICE MUNRO. LECTIO MAGISTRALIS di Susanna Basso | Il 10 ottobre 2013 Alice Munro, definita dall’Accademia Reale di Svezia «maestra del racconto breve», è stata insignita del Premio Nobel per la letteratura. Il 30 agosto moriva a Dublino il poeta Seamus Heaney, Premio Nobel per la letteratura nel 1995. Tra le parole che accompagnarono l’attribuzione del Nobel si leggeva: «per le sue opere di bellezza lirica…

Va' avanti »

Scartabellando e navigando

scartabellando_e_navigando

ALLA RICERCA DEI TRADUCENTI IN SCAFFALE E IN RETE a cura di Norman Gobetti Il repertorio (forse) completo dei dizionari e degli strumenti di ricerca terminologici che si trovano a stampa o digitali.

Va' avanti »

Alla riscoperta dell’America (del SUR)

marco_cassini

INTERVISTA A MARCO CASSINI di Damiano Latella |Partiamo dal principio. Un bel giorno, Marco Cassini, editore e co-fondatore di minimum fax, stanco di proporre autori di lingua inglese e di lingua italiana, si mette in testa di passare ad autori di lingua spagnola. Come se non bastasse, fonda un nuovo marchio indipendente dal nome tutto in maiuscolo, SUR. È andata così? Da dove nasce l’idea?

Va' avanti »

Come Rita Desti suona Saramago

fabio_stassi

TIRO LIBERO di Fabio Stassi | Ho sempre pensato al traduttore come a un musicista. L’interprete che si accosta a uno spartito già scritto ma a cui manca lingua, timbro, intonazione e tocco. Il suono e il fiato. In una parola, la voce. Il suo compito è quello di restituirne la musica, e restituire è un verbo difficile, in letteratura, perché ha a che fare con la natura più intima…

Va' avanti »

Traduzione e linguaggi scientifici moderni

traduzione e linguaggi scientifici

L'INVENZIONE DEL LINGUAGGIO DELLA SCIENZA MODERNA di Silvana Borutti | I temi, o, meglio, i problemi che saranno affrontati in questo articolo sono così riassumibili: che cosa sia il linguaggio per il sapere scientifico nella prospettiva delle scienze moderne; che effetti abbia su un linguaggio scientifico una situazione storica di cambiamento di paradigma; in che termini si possa parlare di traduzione fra teorie in contesti di rivoluzione concettuale. Farò riferimento…

Va' avanti »

I diritti editoriali, questi sconosciuti

buchmesse

L’ESPERIENZA SUL CAMPO di Maria Giulia Castagnone | Mi è capitato spesso di notare quanto poco si sappia del settore dei diritti fuori dallo stretto ambito di chi lavora all’interno di una casa editrice. Forse perché i diritti vengono vissuti come una faccenda amministrativa, un po’ noiosa, priva di glamour, di quel fascino che di solito viene associato al mondo dei libri. Anch’io la pensavo così un bel po’ di…

Va' avanti »

Perché ritradurre Andersen

hans christian andersen

di Bruno Berni | Quando si traduce letteratura danese, confrontarsi con le fiabe di Andersen è un obiettivo importante, ma si tratta di un sogno che potrebbe non avverarsi. È anche un’esperienza che deve trovare una giustificazione forte, perché, nonostante quella letteratura non sia pane quotidiano per il lettore italiano, Andersen è comunque l’autore danese più tradotto anche nella nostra lingua

Va' avanti »

L’altro Monicelli

l'altro Monicelli

GENIO E SREGOLATEZZA DI UN GRANDE TRADUTTORE di Gianfranco Petrillo (con la collaborazione di Franco Chiavegatti e Maria Chiara Romani) | Giorgio Monicelli non è uno sconosciuto, ma la fama di cui gode oggi, al contrario di quella di suo fratello Mario, è di nicchia: è addirittura idolatrato dagli appassionati italiani di fantascienza, in quanto creatore del termine stesso e fondatore e primo direttore della prima e più famosa collana…

Va' avanti »

Le traduzioni di Giorgio Monicelli in volume

a cura di Maria Chiara Romani | Giorgio Monicelli ha al suo attivo - con la propria firma o sotto pseudonimo - oltre 200 testi tradotti in volume, soprattutto dal'inglese ma anche dal francese. Di queste abbiamo cercato di compilare un elenco che ambisce a essere completo, ma non possiamo esserne certi. Vi sono poi numerose altre traduzioni di Monicelli sparse su giornali e riviste. Saremo grati a chi volesse…

Va' avanti »

Macro e microadattamenti del testo drammatico

RIFLESSIONI SULLA TRADUZIONE DEL DIALOGO di Paola Ciccolella | Per la sua doppia destinazione - lettura e rappresentazione scenica - il testo drammatico pone alcuni problemi di traduzione strettamente legati alle sue peculiarità. Il testo drammatico infatti è soggetto non solo alle interpretazioni dei lettori, ma anche alle molteplici possibilità interpretative realizzabili sulla scena. Inoltre, come è noto, il testo drammatico comunica su due livelli, o meglio su due assi…

Va' avanti »

Il Quart livre de Pantagruel, una fiction en archipel

le quart livre de pantagruel

PROBLEMI DI TRADUZIONE di Paola Cifarelli Il Quart Livre de Pantagruel, come è noto, è l’ultimo dei Libri dell’epopea pantagruelina a essere stato pubblicato in versione definitiva prima della morte di Rabelais, avvenuta solo un anno dopo tale edizione, nel 1543

Va' avanti »

La questione della Questione del sergente Grischa

la questione della questione del Sergente Grisha

di Natascia Barrale | Negli anni trenta i lettori italiani mostravano di apprezzare i toni nuovi e realistici dei romanzi stranieri giunti in traduzione sugli scaffali delle librerie. In cima alle classifiche di vendita, tra gli altri, vi erano i romanzi di guerra tedeschi, che raccontavano il primo conflitto mondiale visto con gli occhi del nemico perdente.Mondadori da qualche tempo stava cavalcando l’onda del successo delle narrative straniere e, nello…

Va' avanti »

La posizione delle parole e le intenzioni dell’autore

PROLEGOMENI A UN’ESPERIENZA DI TRADUZIONE TEATRALE di Valerio Fissore | Come l’attore, il traduttore ha il compito di permettere al lettore della traduzione un’interpretazione tendenzialmente identica a quella provocata e permessa dall’originale. La sua più pregevole creatività consisterà nel negarsi di intervenire come autore.

Va' avanti »

Camilleri nel mondo

Università di Cagliari

di Elena Sanna | Ma come fanno i traduttori stranieri a rendere l’impasto lingua/dialetti di Gadda o il “padano” sui generis di Dario Fo, autori che pure godono all’estero di larga rinomanza? Se lo chiedono spesso quei traduttori italiani che si trovano alle prese con problemi analoghi offerti da autori di altre lingue: si pensi anche solo a Céline o a Ellroy.

Va' avanti »

Adottare una nomenclatura

adottar una nomenclatura

di Isabella Vaj | L’estate scorsa ho seguito un corso sulla legatura dei manoscritti mamelucchi. Il corso era tenuto in inglese. Ancora una volta ho dovuto constatare l’inadeguatezza del mio italiano: capivo esattamente di cosa stessero parlando le docenti, ma non avrei avuto il lessico preciso con cui riferire le mie nuove acquisizioni.

Va' avanti »

La recensione / 1 – Costretti a riflettere da una traduzione

antigone

di Anna Battaglia | A proposito di Sofocle, Antigone, Introduzione, versione e note di Giovanni Greco, Feltrinelli, Milano, 2012, € 10,00

Va' avanti »

La recensione / 2 – La lealtà del traduttore responsabile

tradurre è un'intenzione

di Franco Nasi | A proposito di Tradurre è un’intenzione, a cura di Nicoletta Dacrema, Marcos y Marcos, Milano 2013, pp. 270, € 18,00 In un utile passo de Le project d’une critique “productive”, apparso postumo nella raccolta Pour une critique des traductions: John Donne (Paris, Gallimard, 1995; disponibile anche in italiano nella versione di Gisella Maiello: Traduzione e critica produttiva , Salerno, Oedipus, 2000), Antoine Berman

Va' avanti »

La recensione / 3 – Trascendere i confini (delle lingue, ma anche dei testi)

the fronteers of the other

di Giulia Baselica | A proposito di Gaetano Chiurazzi, a cura di, The Frontiers of the Other. Ethics and Politics of Translation, LIT Verlag, Berlin–Münster–Wien–Zürich–London, 2013, pp. 248, €29,90

Va' avanti »

La recensione / 4 – Il rewriting di Karl Kraus

karl krauss e shakespeare

di Barbara Ivančić | A proposito di Irene Fantappiè, Karl Kraus e Shakespeare. Recitare, citare, tradurre. Macerata, Quodlibet, 2012, pp. 270, € 24,00 Molto è stato scritto sul genio di Karl Kraus e sulla sua penna polemica e sferzante, capace di smascherare i risvolti più meschini e ipocriti dell’umanità. Irene Fantappiè ha studiato e analizzato i tratti di quella penna, introducendoci nell’officina della scrittura krausiana. L’immagine dell’officina qui è più…

Va' avanti »

La recensione / 5 – Madrid protagonista della letteratura spagnola

Madrid, romanzo urbano

di Damiano Latella | A proposito di Marco Ottaiano, Madrid, romanzo urbano. Topografie letterarie nella novela spagnola contemporanea, Pironti, Napoli 2013, 200 pp., € 12

Va' avanti »

La recensione / 6 – Un repertorio di notizie di prim’ordine

einaudi_1933-2013

di Gianfranco Petrillo | Le edizioni Einaudi negli anni 1933-2013. Indice bibliografico degli autori e collaboratori, indice cronistorico delle collane, indici per argomenti e per titoli, Einaudi, Torino, 2013, pp. 1800, s.i.p.

Va' avanti »

La citazione / 1 – Chi ancora oggi parla di Übersetzungwissenschaft?

Nicola Gardini

| Tradurre è un'arte - cioè un'esperienza.

Va' avanti »

La citazione / 2 – Quando il Nobel era di là da venire (e anche il «Corriere»)

eugenio_montale

| Ho invitato a cena, dalla solita Nandina, Eugenio Montale

Va' avanti »